L’EMOZIONE DEL TRICHECO PER LA TORTA DI COMPLEANNO – Come lo spiega l’etologia. Chiara Grasso

L’EMOZIONE DEL TRICHECO PER LA TORTA DI COMPLEANNO – Come lo spiega l’etologia. Chiara Grasso

Maggio 21, 2018 Off Di Chiara Grasso

Questa foto del tricheco emozionato che si copre gli occhi dalla contentezza davanti ad una torta di pesce per il suo compleanno è diventata virale e sta facendo il giro del Web. Si leggono commenti di ogni tipo e occorre fare chiarezza:

In etologia è inconcepibile negare agli animali la capacità di provare emozioni. Qui si leggono molti commenti di “scettici” che assumono che solo gli Umani abbiano la prerogativa di provare emozioni. Non è così. Gli animali si emozionano, se per emozione intendiamo un innalzamento emotivo come può essere l’eccitazione, l’ansia, la contentezza, la rabbia o la preoccupazione. Altra cosa è antropomorfizzare l’animale asserendo che sia felicissimo perchè sa che è il suo compleanno e ha bisogno d’amore perchè dobbiamo imparare dagli animali a vivere perchè buongiornissimo kaffè e liberiamo tutti visoni! Nop.

Nella foto che vediamo possono essere successe due cose:
1) Casualità: il tricheco si stava ripluendo dall’acqua/ da una mosca/ gli prudeva l’occhio sinistro/ varie ed eventuali e in quel momento di pura coincidenza e fortuna è stata scattata la splendida foto.
2) Il tricheco, è stato addestrato a questo movimento dai keeper dello zoo/delfinario (non stiamo a discutere sull’etica di questo). Alla vista del cibo, l’animale può aver compiuto il comportamento appreso credendo si trattasse di un rinforzo positivo. O ancora, possono avergli fatto tappare gli occhi con un esercizio appreso per fare la foto della “sorpresa”.

Ma no: il tricheco non sa che cosa sia un dono.
No, il tricheco non sa che giorno sia nato, né quanti anni abbia, né che giorno sia oggi.
No, il tricheco non prova vergogna. La vergogna è un sentimento/emozione puramente umana che si collega alla morale e al condizionamento sociale (come il pudore).
Il movimento di “coprirsi gli occhi”, che in noi umani simboleggia timidezza, vergogna, imbarazzo negli animali non esiste. Non esiste nel repertorio comportamentale di un tricheco in Natura per cui NO, il tricheco non si è emozionato per la torta perchè è il suo compleanno e quindi dalla timidezza si è coperto il muso.

Ma Sì: il tricheco può aver provato sicuramente contentezza. Il cibo attira l’attenzione dell’animale, creando uno stato emotivo alterato quale ad esempio eccitamento o, endrocrinamente, scarica di adrenalina. Quindi sì, il tricheco si è emozionato, perchè gli animali, possedendo l’amigdala, si emozionano proprio come noi Esseri Umani.

In ogni caso, buon compleanno tricheco 🙂

Chiara Grasso